logo

Pride: provocazione inutile o iniziativa necessaria?

Dopo i battibecchi dei giorni scorsi, a confronto le opinioni della filosofa Nicla Vassallo e del teologo Ernesto Borghi - SONDAGGIO

Keystone
 
17
maggio
2018
06:00
Carlo Silini

LUGANO - Un'ininterrotta partita di ping pong. A tre settimane dal Pride che si svolgerà a Lugano il prossimo 2 giugno, le nostre cronache hanno campato di continui botta e risposta sull'evento (Vedi Suggeriti) che - del tutto in linea con la tradizione di questo genere di iniziative – fa parlare di sé prima ancora di cominciare. La manifestazione continua a dividere gli animi: si tratta di una provocazione inutile o di un'iniziativa necessaria? Dopo i battibecchi non solo politici dei giorni scorsi, il Correre del Ticino cerca di mantenere alto il livello del dibattito e mette a confronto Nicla Vassallo, filosofa e studiosa del mondo omosessuale, e Ernesto Borghi, teologo e docente universitario di materie bibliche. "Non badate agli aspetti più chiassosi, concentratevi sugli quelli culturali del Pride", dice la prima. "Non c'è bisogno di una manifestazione del genere per affermare i diritti delle minoranze", replica il secondo.

 

Pride a Lugano: parteciperai alla manifestazione, anche solo per curiosità?

31 %
No
64 %
Non so
5 %
Il sondaggio � stato chiuso il 17/05/2018
Articoli suggeriti

Gay Pride, “Lugano impone la dittatura rosa”

Durissima presa di posizione di Helvetia Christiana dopo la mancata autorizzazione del Municipio al rosario pubblico "per la difesa dei valori cristiani"

Recita del rosario al Gay Pride, “sono perplesso”

A proposito della richiesta dell'Associazione Helvetia Christiana, il vescovo di Lugano Lazzeri ha spiegato che "la preghiera non è uno strumento"

Edizione del 15 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top